Iscriviti alla
Newsletter gratuita

Il dato fornito sarà trattato nel rispetto
della normativa vigente sulla privacy.

Festa giovani 2017

Torna all'elenco delle news >

Festa giovani 2017

L’ultimo fine settimana di luglio, come di consuetudine, si è svolta la “Festa giovani” presso il parco di villa Cesarotti a Selvazzano Dentro. Una manifestazione organizzata dal Comune di Selvazzano con la collaborazione della Comunità parrocchiale di San Michele Arcangelo che, per tre giorni, ogni anno richiama molti curiosi, selvazzanesi e non, per stare insieme, conoscersi e vivere il territorio.

Ma soprattutto, luogo d’incontro di giovani e meno giovani accomunati dalla passione per una particolare forma d’arte: sia essa la musica, il disegno grafico o l’artigianato.

Per quanto riguarda la musica, sul palco allestito ai piedi della Villa si sono esibiti musicisti solisti e band, sfidandosi in un contest canoro che ha scaldato il pubblico selvazzanese. Per entrambi i giovani solisti, era la prima volta che si esibivano in pubblico, con l’emozione che ovviamente inizialmente la faceva da padrona, ma che, dopo i primi brani, ha lasciato il posto all’entusiasmo e all’energia che ha trascinato il pubblico presente.

A sentire i giovani talenti coinvolti, queste esibizioni in pubblico sono fondamentali perché permettono di far conoscere ai più i propri inediti e, prim’ancora, perché permette loro di potersi esprimere attraverso la propria arte: la musica.

Accanto a batteria e chitarre elettriche, sotto le suggestive arcate di Villa Cesarotti anche artisti più silenziosi, ma che sicuramente non sono passati inosservati: Carolina, 27 anni, si innamora sin dalla tenera età all’universo dei fumetti giapponesi manga. Ora si dedica a questa sua passione, il disegno grafico, con dedizione e sempre maggiore abilità, riuscendo a condividerla con molti altri ragazzi, visto che è anche insegnante di disegno.

Presenti alle serate anche diverse associazioni dell’artigianato locale che hanno arricchito l’offerta espositiva con preziosi ed originali manufatti, quali bracciali, borse e bijoux, forgiati dalle abili mani dei ragazzi del territorio.

L’impressione che ci lasciano queste stimolanti serate è che, a conti fatti, in un mondo sempre più “medializzato” certe occasioni ci permettono di riscoprire il vero valore del contatto umano e dello stare insieme come comunità, richiamati da ciò che da sempre continua ad attrarre l’uomo all’arte ed ai suoi simili: che sia grazie ad un ritornello orecchiabile, ad un assolo di chitarra o ad un tratto di matita su un foglio bianco, lasciarsi emozionare e condividere ciò che si prova con il prossimo.